.

Home

GuestBook

 

Poesie

 

 

 


Bava Raffaele
(Sempre Brognaturese)
Figliu di Musulinu

                              A   LAURA

 

                                  Laura quanto ti penso ancora,
                                  or che solo tu mi hai lasciato,
                                  qui a pensar che tu sei sola,
                                  con questo fior che m’hai dato.


                                         Or tu te ne stai, lontan da me,
                                         Lontan da me che ti chiama,
                                         Che vuole bene soltanto a te,
                                         Soltanto a te, perché lui t’ama.


                                  T’amo t’amo, ti amo da morí
                                  A te che sei la mia piccolina,
                                  Per te  ch’io adesso sono qui
                                  Ad aspettarti fino alla mattina.

                          Laura or ti penso ancora
                                         Ti penso tanto tanto, tanto 
                                         Perché so che te na stai sola
                                         Senza di me, per questo ho pianto.
                            
 
                                 Un pianto, una lacrima su quel viso,
                                   Miro da lontano, pensando a té,
                                   Sperando di trovare quel tuo sorriso, 
                                   Che certo piangerá solo per me.    

                                     Laura ti amo  ti amo e t’amerò,
                               Fin quanto durerà la vita mia,
                               A questo petto forte stringerò,
                               A te che sei la ragazza mia.
                                                  Raffaele  Bava

 

Paese mio

                                                 Per te paese mio, per te che sei  lontano
                                                con tutti quei ricordi, di gioventú  passata
                                                quante volte ho sognato, ma sempre invano
                                                quella mia  terra, che sempre ho tanto amata.

                                                         Quanto mi manchi, e quanto ti vorrei ancora
                                                         si mi manca, quell’odor di bosco profumato,
                                                         si quell’acqua  della fontana vecchia  allora
                                                         che sempre ti rinfresca, quando  sei arrivato,


                                                
quel suon di campane, della chiesetta accanto
                                                 le grida, delle chiamate al bambino in piazza,
                                                 da quella mamma, che aspetta, sempre tanto
                                                 che a quel gridar, la gente dice questa é pazza.

                                                          Per te piccolo paese mio senza speranza
                                                          della giovinezza mia , che se ne andata.
                                                          E gia ,certo che tu di me, sei stato senza
                                                          di quella gioventù ,che non é tornata.

                                                
                                                 Ricordo quell’alba, di quel  giorno  strano,
                                                 quando partivo mi si spezzava il cuore
                                                 Io non pensavo, di andar tanto lontano
                                                 col mio pensier che nel tempo muore.

                                                                                                     Raffaele  Bava,  Lussemburgo

 


RICORDO

 di RAFFAELE BAVA 

Di quando in quà il mio cuor si sdegna,
di non cantar lode a te mio amore,
ormai in me più ne mi gioia regna
solo in questo petto, mio dolore.

 Io penso sempre a quella cara via
si, penso sempre a te umile fiore,
non te l`ho detto mai a casa mia,
però per me tu eri il vero amore.

E! quando partii, l`addio m`hai donato,
per la partenza ch`io dovevo andare
sulle guance m`accarezzi e m`hai baciato,
perche` potessi un giorno ritornare.

Io ti lasciai sola alla dimora,
lasciai te lasciai la vita mia,
ed io ricordo, mi ricordo ancora,
là io sentivo solo nostalgia.

Or qui, io penso tutta questa cosa
ed io la vedo molta tutto il giorno,
quando lavoro, quando sono a casa,
quando mangio, quando vado e dormo,

E! dico a te amore non ti stancare
pensa a me non da soffrire,
perchè andato sono a lavorare,
E non certo qui venuto, per morire.

 

CUORE DI PIETRA

di RAFFAELE BAVA 

 Reso alla meta, cuor mio sei stanco
in questo paese molto lontano
ormai distrutto per quanto hai pianto
ora mi accorgo che batti piano.


Non cè destino per quell'amore
per quella donna che pace non d'ona
forse e di pietra quel piccolo cuore
che... certo ti scherza  ma... certo perdona


Bava Raffaele   Luxembourg

   

NEL TEMPO

E fu il tramonto il sole se ne andato
in quel nulla che mi ricorda ancora
un giorno triste morto ormai passato
come fosse quasi quanto un`ora
                            
                                     Raffaele Bava


STRANIERO

      Si stanca la mente per poco riposo
nella tua strada rimane il sentiero
      di tutta la gente sei il solo noioso
e pace non hai odiato straniero


      Perché non torni alla casa natale
perché non torni con vero pensiero
      qualcuno ti aspetta qualcuno la t'ama
qui invece sei solo schernito straniero


                             
Raffaele Bava
 
   

ALLA MIA AMATA

Fin quando canteró nessuno muore,
nemmeno il pensier di te cara mia
io lo so, me l'ha detto il vento dell'amore
ch'io il compagno delle tue cure sia.

E sii gentil sempre com me amore
perch'io cantar debbo e non stancare
per godere ci dara vita il signore
in un'altro vero mondo a riposare.

Pregate per me pregate figli cari
ch'io a voi daro la vita e non altrui
guardate me che sono in questi mari
dove la gente parlar non ha co cui.

Sorgera il sole laggiu nella valle
quando te cara mia sposeró
cantar chiedero e luce alle stelle
se amor da o donna avró.

                         Raffaele Bava

 

Brignaturi

Brignaturi è lu paisi mio
     Piccirijdu e benidittu di Dio
 Setticiantu su li cristiani
       Finu a milli cu gajdini e cani.
                Na chiazza randi e dui chiesiciajdi 
         E tanti casi piccirijdi e biajdi. 
          Ntuarnu avimu tanti belli munti
              E na fiumara chi ni vena mprunti.
                         Li Domenicani ni dassaru nu cummiantu
                          Chi non lu pigghia né l’acqua né lu vientu,
        lu terramuatu ni l’avia jettatu
       ma mo è bellu e restauratu.
                     Cca a nui si senta assai la divuziuoni
                     Di la Madonna di la Cunzulaziuoni ,
                chi chiama aggenti di tutti li vandi
                ca la protezioni sua èassai randi.
         
Sugnu ligata tantu a stu paisi
                      Chi non mi movaria mancu pi nu misi.

(Caterina Mangiardi, classe I° Media 2006-07)
 

 

BARATTULU (DECAPITATO NEL 1961)

Scritta dal Dr. Bruno Tassone 



Cortesia di Roberto Zangari

Per chi non sapesse, Barattulu era uno dei figli di Domenico Zangari (Micu di Nduja) scomparso tragicamente in eta` prematura. 

Jiendu la strata pi Perzichería, 
scindia Ia sira ed era spensierata... 
quandu cumpara a mienzu di Ia via 
n'umbira iianca e non era dannata. 

L'uocchi lucianu cuom' a dui brillanti, 
niri lí baffi di spini pungenti: 
"Non ti spqgnarí, io sù Iu tue amanti, 
e mò non vuogghiu mu senta I'aggenti. 

Parrami, cuomu stannu Ii figghiuoli? 
-ò[essunc cosa mu nci fai mancari, 
ricorda mu ncí qccatti li linzuoli 

ca Caterina si vò maritari. 

Ca s'era vívu io, nò dubitari, 

non sulu nq. grqn doti nci facía... 
mo sugnu n'umbra e ti viegnu a prigari 
mu mi Ia nduoti tu la figghia mia". 

Dietru lu munti cumparía Ia luna 
nu discu randi quantu 'na.gran rota 
s'appiccianu Ií stelli ad una ad una 
viniendu mò Ia sirq. n'atra vota. 

"Io sugnu Peppi tue, sú Iu faccíeri; 
due parmi quasi di Iu tagghiu avía 
Ia mia faccetta, ed era mistieri 

si cu na manu sula Ia tinía. 

S'avía di continú Iu lavuru, 
di sordi nu munziejiu ndí facía, 
ma di Iu scuogghíu io era cchiù duru 
e tutti, tuttí quanti Ii spindia. 



'Ntra Ia putixa di Iu mastru Albertu 
tutti li siri io mi ricugghia 
ca cu Iu jiuocu era Iu cchù 'spertu 
na brisculejia sempi mi facia. 

Quandu trasiendu avia Ii dínari 
viatu pi tutti nu quartu jio offria. 
Si Iu patruni non putia pagari 
Iu putixaru sulu m'ajiucia. 


Eppue... cu n'arganiettu "bravi alpíni" 
chi ti cacciava ogni melodia, 
cu atri sonaturi Ii cchiù finí, 
io rallegrava assai Ia cumpagnia. 

Cuncetta, ti vidia mentri jiucava, 
di chistu cori Ia minzína mia, 
permessu a Ii mie amici pue círcava 
vinu e gazzosa mu ti puortu a ttia. 


Io non truvava Ia giusta manero, 
mu ti signalu Ia mia simpatia, 
era cchiù stuortu io ca Ia bruvera 
e mi ligava assai Ia cumpagnia. 

Lu sacciu ca pi ttia non erq sctntu, 
Ia vita amaro. sempi ti facia, 
ma non pinsava ca arrivavi a tantu 
mu fai tabbaccu di la vita mia. 


Fora si ndi avia jiutu Ia correnti 
e 'ntra Ii casi ajíucía Ia lampa, 
cu cchijiu scuru non capiscia nenti 
china di buonu vinu avia la panza. 

Pannizzijiava, tuoni, vientu e lampí, 
'ssíttata ieri a Ia ciminera. 
'na luci strana dezaru Ii vampi, 


' a I'uocchi tue, vrusciandu Ia bruvera. 


Lu suonnu mi mbugghiau cuomu 'nu mbiatu, 
puru cu I'uocchi chiusi ti vidia, 
'mpunta di piedi tinivi Iu xiatu 
e ti pigghiavi Ia faccetta mia! 


Quandu la scuri mia'n aria s'izau 

pi mu torcia vulía a n'atra via, 
ma tu furzasti, e chissu nci gabbau 
ca povarejia mia, nci dispiacía. 

Scindiu Ia lama, Iu cuojiu tagghíau 
sangu a vajíuni subitu niscia, 
muru e suffitta, tuttu s'imbrattau, 
e rantulandu Peppi tue muria. 

Vulía mu dicu e senza rancori 
,picchì fai chissu tu, Cuncetta mia?, 
Parrari potta sulu lu mio cori 
'nziemi a Iu Xiatu lu sangu níscia. 

Quandu Ia testa mia 'nterra ruciu 
io pi mu guardu a ttia I'uocchi gtrai, 
di Ii figghi e dí tia mi dispiaciu, 
ma di Ia morti nò, non mi spagnai! 

Era cchiù forti io cq nò I'qzzqru, 
paura di Ia morti non avia, 
ma pí Ii ftgghi mò ciercu riparu, 
pi ijî ciangiu Ia ruvina mia. 

Mò... tuornu nziemi a I'animi purganti 
chi stannu pi vidiri Iu Gran Suli, 
ví vuogghiu salutari tutti quantí, 
'na sula cosa resta, ed è l'Amuri". 

Appena dissa chistu scumpariu 
'na stella chi cadia alluminau, 
cantavanu Ii gijî e Iu guliu, 
Ia primavera I'aria profumau. 


GEOMETRIE VAGANTI

 La piazza, immensa distesa deserta,

ornata da un filare di alberi stanchi a ponente

che costeggiano il fiume fino in fondo

la dove giaceva il vecchio “diurno”;

 a levante,  dalle prime case del piccolo paese.

Entrando si vede la Torre del Municipio,

Punto di fuga della prima  prospettiva,

Coi sui orologi sempre fermi

Presagio per la vita che danza con essi.

Mirando ancora più in alto, traspare

Circondato di speranza e clorofilla

Il Calvario ed il Camposanto.

A dritta, annunciata da una lieve discesa,

La Chiesa, punto di ritrovo assai vivace

La domenica per la stesura del giornale

ed ogni giorno per incontro occasionale.

Il Fiume traccia il solco del confine

Con la Terra che ci fu da  sempre ostile:

sassi ed urla dall’una all’altra sponda,

 chi sa  per quale evento o profezia

si diede inizio a singolar tenzone?

Altre Vie traccianti dentro il Borgo

Si intrecciano tra Piazze e Viali

Dando vita a geometrie vaganti.

 

Zangari Stefano 23 /02/80

 

 

E-mail: info@brognaturoonline.com

 

 

.

Home
 

 GuestBook